Le Madonie: Comunità montane, sentieri, rupi maestose

Inviare il video "Parco delle Madonie. Documentario Rai"

Per molti di noi una vacanza in Sicilia significa innanzitutto sole, mare e spiaggia, tuttavia anche l'entroterra della nostra amata isola ha molto da offrire. Vedi ad esempio l'imponente catena settentrionale delle Madonie. Nessuna paura però, per visitare le Madonie non dovrete mettere alla prova le vostre doti da alpinisti.

In effetti adesso con il nome "Madonie" si intende più che altro il "Parco delle Madonie", il secondo parco naturale più grande della Sicilia. Con i suoi 40 000 ettari è addirittura più grande dell'intera isola delle Canarie La Gomera - e chiaramente anche più grande degli omonimi monti. Per questo motivo le Madonie si offrono come un invidiabile e maestoso paradiso escursionistico.

Come mostrano gli esempi seguenti, nelle Madonie c'è molto più di qualcosa da scoprire.

Indice

Rimani in contatto!

Mappa per una gita alle Madonie

Mappa per una gita alle Madonie
  1. Gratteri - Parcheggio
  2. Gratteri - Grotta Grattara
  3. Gratteri - Abazia di San Giorgio
  1. Piano Zucchi - Area Attrezzata
  2. Piano Farina - Parcheggio
  3. Piano Farina - Birdwatching
  4. Piano Farina - Terrazza sul Vallone Canna
  5. Piano Farina - Orrido Canna
  6. Parco Avventura Madonie
  7. Archeodromo delle Madonie
  8. Sclafani Bagni - Parcheggio in città
  9. Sclafani Bagni - Parcheggio terme
  10. Sclafani Bagni - Sorgenti

Le Madonie in auto

Un'auto a noleggio per la tua vacanza in Sicilia

Nelle Madonie c'è in realtà talmente tanto da scoprire che una vacanza di più settimane non basterebbe per vedere tutto. Vi proponiamo perciò un rapido tour attraverso le Madonie da compiere in auto. Purtroppo in questo caso autobus e treni non possono esserci utili.

Nella cartina in alto questo tour è segnato in blu. Vi consigliamo di effettuare delle brevi visite a Gratteri (punti rossi 1, 2 e 3), a Scillato (punto rosso 10) e a Sclafani Bagni (punti rossi dall'11 al 13) seguendo le linee verdi segnate sulla cartina. Ingrandite la cartina attorno ai punti rossi qualora vogliate vedere maggiori dettagli.

Il tour comincia all'uscita autostradale di Buonfornello sulla A19 e termina 20 km più a Sud all'altezza dell'uscita di Scillato. Se provenite o alloggiate più a sud, potete ovviamente iniziare il tour a Scillato e concluderlo a Buonfornello.

Gratteri

Inviare il video "Gratteri (PA) - Un altro anno insieme a voi - Buon 2013"

Gratteri è una comunità delle Madonie molto particolare. Nonostante il numero degli abitanti negli ultimi 100 anni sia sceso da 3000 a 1000, questa tendenza, tipica dell'entroterra siciliano, qui non è da considerare un segnale di declino.

Al contrario, come dimostra il video sulla destra, gli abitanti di Gratteri sono straordinariamente attivi. Si sono addirittura costruiti un proprio piccolo canale TV su internet, e la descrizione del paese su Wikipedia è addirittura più dettagliata di quella del ben più grande "capoluogo" delle Madonie, Cefalù.

Gratteri comunque non rappresenta semplicemente una pausa del nostro tour. Quelli che hanno voglia di sgranchirsi un po' le gambe possono infatti salire fino alla Grotta Grattara o camminare fino all'Abazia di San Giorgio. Dalle Grotte potrete godervi il fantastico panorama delle Madonie, mentre la passeggiata fino all'Abazia permetterà al vostro sguardo di spaziare su un paesaggio ricchissimo.

Piano Zucchi

Area attrezzata Piano Zucchi

Piano Zucchi è il cuore delle Madonie, un altopiano dal quale è possibile raggiungere le numerose vette che lo circondano. Appunto per questo motivo il Club Alpino Siciliano vi fondò nel 1910 il Rifugio "Luigi Orestano", trasformatosi dopo la seconda guerra mondiale in un hotel con ristorante e bar. Il rifugio è però al momento chiuso a causa di lavori di ristrutturazione.

Nel 2010 è invece stata aperta l'Area Attrezzata Piano Zucchi della guardia forestale siciliana (Punto 4). Consiste in un'area picnic fornita di tutto il necessario per una scampagnata: 86 tavoli, 344 posti a sedere, 10 postazioni barbecue e anche un WC.

Questo tipo di aree attrezzate gestite dalla guardia forestale sono presenti in tutta la Sicilia. Sono perciò una risorsa ideale per tutti i viaggiatori che desiderano vedere qualcosa di diverso rispetto al mare e alle spiagge durante la loro vacanza in Sicilia. Su questa carta potete vedere una panoramica completa delle aree attrezzate.

Piano Farina

Piano Farina nelle Madonie

Piano Farina può essere definita la "terrazza delle Madonie", da qui infatti è possibile ammirare uno dei più bei panorami dell'intera riserva. Il margine settentrionale di Piano Farina sporge a strapiombo per una profondità di 200m, ed è proprio da qui che potrete provare la particolare sensazione di trovarvi su una terrazza vera e propria.

La valle che si apre dal Piano Farina si chiama "Vallone Canna". La parola stessa "Vallone" trasmette perfettamente la particolare conformazione del paesaggio. Il punto 7 della cartina in alto offre una magnifica veduta della valle. Al punto 8 la valle si trasforma in una gola vera e propria, chiamata "Orrido Canna", forse anche per la sensazione di spavento che un luogo come questo può provocare.

Ad ogni modo, un luogo che può spaventare qualcuno può far da rifugio ad altri: le pareti di gole così profonde sono infatti il luogo ideale per i nidi di uccelli. Non c'è perciò da meravigliarsi se la guardia forestale ha costruito a Piano Farina una capanna per il birdwatching (punto 6). Con molta fortuna potrete anche avvistare un'aquila reale, un'eventualità che davvero in pochi avrebbero associato ad una vacanza in Sicilia.

Parco Avventura Madonie

Inviare il video "Parco Avventura Madonie"

Se dopo aver visitato Piano Farina avete ancora voglia di avventura potete semplicemente proseguire per un paio di chilometri, fino a raggiungere un parco costruito pochi anni fa e la cui attrazione principale è il percorso acrobatico fra gli alberi, come mostrato dal video a destra.

Anche per le altre attività offerte dal parco rimaniamo in tema di vacanza attiva e avventurosa. Gli organizzatori offrono infatti la possibilità di intraprendere differenti eco-sport come ad esempio arrampicata sugli alberi, passeggiate a cavallo, giri in mountain bike, tiro con l'arco e Orienteering con mappe e bussola. Chi vuole può anche pernottare nel parco, in tende sugli alberi naturalmente.

Il Parco Avventura Madonie è aperto tutti i giorni da Luglio fino a metà Settembre, negli altri periodi dell'anno soltanto nei fine settimana. Maggiori informazioni si possono trovare sul sito internet
del Parco Avventura Madonie.

Archeodromo delle Madonie

Archeodromo delle Madonie

Anche l'Archeodromo delle Madonie fa al caso nostro per una vacanza attiva ed intensa – tuttavia per gruppi di almeno 10 persone. Qui avrete la possibilità di vedere come vivevano i siciliani primitivi, attraverso quella che gli organizzatori definiscono "archeologia sperimentale per tutti", nel periodo che va dal paleolitico fino all'antichità.

I visitatori potranno per esempio accendere un fuoco come all'età della pietra, studiare la lavorazione delle pietre, delle ossa e del legno proprio come avveniva nel Paleolitico, capire l'arte della tessitura e il passaggio all'agricoltura.

Particolarmente interessanti sono anche gli esperimenti sulla lavorazione dei metalli e sulla nascita della scrittura. Per maggiori informazioni sul parco archeologico potete visitare il sito internet dell'Archeodromo delle Madonie.

Sclafani Bagni

Inviare il video "Sicilia - Sclafani Bagni"

Mentre le due ultime attività proposte richiedono un minimo di organizzazione, una visita a Sclafani Bagni può avvenire spontaneamente senza grandi preparativi.

Il piccolo paese si trova su una grande rocca sul versante occidentale delle Madonie. Furono i Normanni a costruirvi nel Medioevo una delle loro numerose fortezze, dato che la rocca offriva un'ottima visibilità ed era molto difficile da conquistare. Ciò vale ancora adesso ma fortunatamente chi visita il paese oggi ha generalmente intenzioni pacifiche...

Attorno alla fortezza venne costruito un piccolo insediamento che è all'origine dell'odierna Sclafani Bagni. La fortezza è oggi piuttosto una rovina, tuttavia la sua struttura rimane ben riconoscibile. Piccoli cartelli stradali affissi agli edifici guidano i visitatori attraverso i pittoreschi vicoli e naturalmente verso l'antica fortezza.

Sclafani Bagni comunque nasconde ancora un piccolo gioiello pressoché dimenticato: una fonte termale. Si trova ai piedi della rocca (punti 12 e 13 nella cartina in alto). Lì potrete visitare la fonte stessa (punto 13) e gli edifici abbandonati delle terme.

Alla galleria foto "Madonie"

Nel segmento di foto in questo sito web troverete molte immagini in alta definizione. Cliccate qui in basso e accederete automaticamente alla sequenza di foto. Potrete usare le immagini liberamente, ricordatevi però di indicare sempre il nome del fotografo o della fotografa come fonte principale. I profili dei fotografi sono presenti su Facebook e su Google+.

Alla galleria foto 'Madonie'

Seguiteci

Rimani in contatto!

La casa vacanza perfetta

Rimani in contatto!